Onu accusa Corea Nord crimini

Inchiesta Onu accusa Corea Nord crimini. Inchiesta Commissione diritti umani anticipata da stampa. 15 febbraio, #GINEVRA, [ fate presto dei bombardamenti intelligenti e terminate subito, la vita di quel coglione! ] La Corea del Nord si è macchiata di gravi crimini contro l'Umanità, fra cui sterminio, sequestro di persona e riduzione alla fame: queste le conclusioni di un'inchiesta portata a termine dalla Commissione per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, che chiede il deferimento di Pyongyang alla Corte penale internazionale (Cpi) dell'Aja. Le conclusioni, che saranno rese note lunedì a Ginevra, sono state anticipate da alcuni media, fra cui il britannico Guardian, in possesso di indiscrezioni.

Marò: Accusa terrorismo lede dignità Italia. Riunione task force a Palazzo Chigi. Marò, apprezzamento Bonino per Ashton. "Incoraggiati a proseguire nostra battaglia"
15 febbraio, "Ho molto apprezzato le dichiarazioni di Kathy Ashton, che ringrazio, a sostegno della profonda convinzione che i nostri due Fucilieri di Marina non debbano essere giudicati in base alla legge antiterrorismo indiana". Così la ministro degli esteri Emma Bonino sulle dichiarazioni dell'Alto Rappresentante Ue per la politica estera. L'impegno della Ashton a sensibilizzare il segretario dell'Onu, Ban Ki-moon, "sulle nostre ragioni ci incoraggia nel proseguire la nostra battaglia", aggiunge.

[ nazi Islam. ] tutti i martiri dhimmi schiavi sotto la egida dello ONU, il sistema massonico Bildenberg, sharia imperialismo. What is The Voice of the Martyrs? Over the years, The Voice of the Martyrs Canada has been faithfully fulfilling the call to raise awareness of the plight of persecuted Christians around the world, while also providing them necessary practical aid and spiritual encouragement. For an overview on VOMC's mission, please take a moment to view the following brief video clip. Join us in praying with and for our persecuted family in Christ. This week's prayer alert contains stories and prayer requests from Colombia, Malaysia & China. Subscribe to our free monthly publication. In this issue, you will learn why northern Nigeria is considered one of the most dangerous places for Christians to live. Yet, despite the fierce opposition, God is actively at work, providing these persecuted believers - and others around the world - "A Future of Promise.".


God's Double Agent. Bob Fu. Tens of millions of Christians live in China today, leading double lives while hiding from a government that relentlessly persecutes them. Former dissident Bob Fu happened to be one of them. By day, he was a teacher in a communist school and, by night, a preacher in an underground house church network.
His newly released book, God’s Double Agent, will keep you at the “edge of your seat” as it recounts the captivating story of Bob's conversion to Christianity, his arrest and imprisonment for starting an illegal house church, harrowing escape from China and subsequent rise to prominence as an advocate for his oppressed brethren. God's Double Agent will inspire you to boldly live out your faith in a world that is at times indifferent, and at other times murderously hostile, to those who spread the Gospel. (Hardcover, 336 pages)


 Countless Christians around the world are persecuted for their faith in Jesus Christ. The Voice of the Martyrs Canada stands alongside persecuted brothers and sisters worldwide. We help Christians who are, or have been, persecuted for their involvement in spreading the gospel; we love and support believers who are willing to invite their fellow men, even their persecutors, to Jesus Christ; and we encourage persecuted Christians by giving their testimony a voice, informing Christians in Canada to know how to help. Join us in raising awareness of and reaching out to the persecuted Church!
pastore Richard Wurmbrand e rappresentata
  (www.persecution.net).  -mail mcp@eun.ch


Magdi Cristiano Allam, e nazi Islam. ] tutti i martiri dhimmi schiavi sotto la egida dello ONU, il sistema massonico Bildenberg, sharia imperialismo [ mia adesione piena e
convinta al cristianesimo ha corrisposto all’abbraccio, di Gesù Cristo, vero Dio e vero. Uomo, nel contesto di una fede che concependo l’uomo a immagine e somiglianza di Dio, accoglie nel proprio seno, in modo armonioso, fede e ragione. Il mio
approdo al cristianesimo, vissuto come la dimora naturale di fede e ragione, è stato possibile grazie al sodalizio con un altro binomio indissolubile: verità e libertà, magistralmente impressi nel passo tratto dal Vangelo secondo San Giovanni che recita
“...conoscerete la verità e la verità vi renderà liberi”. Fede e ragione, verità e libertà, hanno da sempre contrassegnato la mia esistenza sin da quando ero musulmano. Ancor prima del mio battesimo, promossi, il 4 luglio 2007 in Piazza S. Apostoli
a Roma, la “Manifestazione contro l’esodo e la persecuzione dei cristiani in Medio Oriente e per la libertà religiosa nel mondo”. Nel mio intervento condannai il terrorismo islamico: “Siamo qui per dire: “Basta!” ai profanatori della libertà religiosa e ai dissacratori di un Dio trasformato in un’ideologia dell’odio, della violenza e
della morte”. Ma denunciai anche “quest’Europa ammalata di
relativismo e accecata dall’ideologismo del multiculturalismo,
che rinnega i propri valori e tradisce la propria identità che affondano le proprie radici nella fede e nella cultura giudaico-cristiana”. salviamo i cristiani
Nella stessa piazza a Roma riproposi la manifestazione “Salviamo i cristiani” il 18 luglio 2012, rivendicando il riconoscimento dello status di rifugiato
politico ai cristiani che subiscono persecuzioni nei loro Paesi d’origine per motivi di ordine religioso. Sulla scia di questa missione volta a salvaguardare il diritto alla vita,
alla dignità e alla libertà dei cristiani in Oriente, l’Associazione “Salviamo i cristiani”, presieduta dalla scrittrice Silvana De Mari, ha ospitato lo scorso 5 aprile presso
la Sala Convegni Verità e libertà in via Benedetto Marcello 26 a Milano, Monsignor
Issam John Darwich, siriano, vescovo della regione libanese, della Bekaa. All’incontro hanno partecipato il pastore Giuseppe Laiso e il pastore Nabil Youssef, a testimonianza della fraternità cristiana. Monsignor Darwish ha coraggiosamente denunciato “il
complotto internazionale volto a sradicare i cristiani dalle loro terre in Medio Oriente”. Facendo riferimento al vero e proprio genocidio dei cristiani in corso in Siria,
ha ammonito l’Europa: “la Siria si è trasformata nel covo degli estremisti islamici provenienti da diversi Paesi. Se l’Europa non si opporrà allo sterminio dei cristiani in Oriente, subito dopo verrà il suo turno”. A suo avviso “è importante aiutare i cristiani non solo per un motivo umanitario, ma anche per difendere le nostre radici
cristiane che sono comuni all’Europa. Aiutare i cristiani in Medio Oriente significa proprio questo: riappropriarci delle nostre fondamenta storico-culturali”.
Il Mediterraneo era cristiano la Storia ci svela che fino al Settimo secolo tutto il Mediterraneo era cristiano. Solo attraverso le guerre, i massacri e le conversioni forzate, le sponde meridionali e orientali sono state islamizzate. Dopo, aver costretto alla fuga gli ebrei, ora è il turno dei cristiani. Se noi europei lo consentiremo, peggio
ancora collaborando con i terroristi islamici così come purtroppo, sta accadendo in Siria, la definitiva scomparsa del cristianesimo in Medio Oriente farà esplodere la guerra santa islamica per la conquista dell’Europa. Difendere i cristiani d’Oriente significa
anche difendere la nostra fede, i nostri valori e la nostra civiltà cristiana d’Europa

Benjamin Netanyahu. [about ]Hareidi Protestor: We're the Real 'Equal Burden' /watch?v=Y269V0VKmBI
lui non riconosce lo Stato di Israele, e noi possiamo accontentarlo, poi, vediamo se lui viene a vivere nel deserto saudita, sotto il regno di Palestina, per lasciare il FMI-NWO, quel fariseo ipocrita, sepolcro imbiancato, strozzino parassita di merda!
http://youtu.be/Y269V0VKmBI


/watch?v=CscWvZd_ZCQ&feature=em-subs_digest
 Benjamin Netanyahu. se, non mi consentite l'attacco nucleare, contro, tutta la LEGA ARABA, poi, non mi chiamate, perché io non verrò!
Queste sono bestie diaboliche, sono 5 anni, che, io cerco, la comprensione e la amicizia, ma, loro continuano ad uccidere, gli schiavi dhimmi, sotto la egida dello ONU.. Quando, io avrò colpito tutta la LEGA ARABA, con armi atomiche, la prima volta? per non essere colpiti, una seconda volta, poi islamici, verranno a parlare con me! .. e poi, vedremo, se, la sharia, che, uccide i cristiani dhimmi, sotto la egida dello ONU, è una cosa buona, o è una cosa cattiva!
sono maniaci religiosi, non è nella loro natura il dialogo, la civiltà, i diritti umani, ecc.. è stato Rothschild, il fariseo, FMI-NWO, 322 Kerry, satanisti americani del sistema massonico, che, hanno preparato tutto questo male, contro tutti noi!
tutto il tempo che scorre, scorre contro di noi..
noi siamo in trappola!


/watch?v=CscWvZd_ZCQ&feature=em-subs_digest
 Benjamin Netanyahu. voi sapete, meglio di chiunque altro, quando l'Iran avrà le sue atomiche, le vostre vite non varranno più nulla... e se, la inimicizia con la ARABIA SAUDITA, non fosse una truffa, una finzione? loro sarebbero più spaventati di voi.. ed invece, i salafiti sono tranquilli, per le atomiche iraniane, tanto che, sauditi, hanno proibito il loro spazio aereo a voi, per demolire le installazioni iraniane!, quella della LEGA ARABA, è una sola congiura, è soltanto che, loro si sentono più furbi! ARABIA SAUDITA, sa,che noi non siamo programmati per fare il genocidio, e che, diamo valore alla vita umana.. ecco perché, dobbiamo soccombere, e, questa storia della Sharia, per uccidere martiri cristiani, sotto la egida dei massoni dello ONU, finirà in tragedia... lol. ma, consolatevi, noi poi vi vendicheremo! lol.


/watch?v=CscWvZd_ZCQ&feature=em-subs_digest
 Benjamin Netanyahu [ Israeli PM: 'Whoever Attacks Us Will Bear the Consequences' ] [answer] perché, 1. aspettare le inevitabili conseguenze, quando l'attacco è la migliore difesa? 2. chi mette in Stato di accusa la Sharia, a livello globale? 3. ma, 80 atomiche, saranno sufficienti, a fare sviluppare una nuova concezione teologica dell'Islam? io dico di si! 4. in realtà la più grande minaccia è la ARABIA SAUDITA (da colpire con 8 atomiche), proprio perché sembra un amico.. ma il lupo Sharia, non sarà mai vero amico dello agnello (democrazia). [ le conseguenze? 3giorni parlano le donne in mezzo alla strada". dice il proverbio ] se, non vogliono ricevere le altre 80 atomiche, subito dopo! [322 kerry satanista, in quale parte della LEGA ARABA, tu hai visto la democrazia di Al-Qaeda sharia, che, tu vuoi imporre alla Siria, per fare morire, i dhimmi cristiani, sotto la egida dello ONU anticristo? ]


[28] La WORLD WATCH LIST è la lista dei paesi dove esiste la persecuzione ed elenca 50 paesi secondo per l'appunto l’intensità della persecuzione che i cristiani affrontano per il fatto di confessare e praticare attivamente la loro fede. E’ compilata da analisti di Porte Aperte specialisti della persecuzione, ricercatori ed esperti sul campo operativo e indipendenti all’interno dei vari paesi, sulla base di una mole di dati raccolti sul campo e tramite fonti attendibili. I livelli assegnati sono basati su vari aspetti della libertà religiosa, nella fattispecie identificano principalmente il grado di libertà dei cristiani nel vivere apertamente la loro fede in 5 aree della vita quotidiana: nel privato, in famiglia, nella comunità in cui risiedono, nella chiesa che frequentano e nella vita pubblica del paese in cui vivono, a cui si aggiunge una sesta area che serve a misurare l’eventuale grado di violenze che subiscono. Mappa WWList 2013 in PDF 
Cosa cambia rispetto alla precedente lista
Vi proponiamo una sintesi dei cambiamenti avvenuti nella WWList 2013 rispetto a quella dell’anno precedente, ricordandovi che il periodo coperto dalla WWList dal 1 Novembre 2011 al 31 Ottobre 2012.
• La Corea del Nord è al °1 posto della lista dei 50 peggiori persecutori dei cristiani per l’11° anno consecutivo. Si stima che tra 50.000 e 70.000 cristiani soffrano in orribili campi di prigionia. La persecuzione intensa è proseguita sotto il nuovo leader Kim Jong-Un. Il numero di disertori (cioè nordcoreani che fuggono all’estero) in Cina è notevolmente diminuito nel 2012 e la metà di coloro che cercano di fuggire non ce la fanno.
• I primi 10 paesi nel 2013 dopo la Corea del Nord sono Arabia Saudita, Afghanistan, Iraq, Somalia, Maldive, Mali, Iran, Yemen e Eritrea.
• Otto dei primi 10 sono paesi a maggioranza islamica. La Corea del Nord è di stampo comunista mentre l’Eritrea è approssimativamente per metà musulmana e metà cristiana, con un presidente che sposa una versione del marxismo.
• Il Mali al 7° posto e l’Eritrea al 10° sono le due nuove entrate nei primi 10. Il Mali non era neppure nella WWList l’anno scorso e l’Eritrea era all’11° posto. Oltre al Mali e all’Eritrea, fra i paesi africani che risalgono la lista c’è l’Etiopia, che sale dal 38° al 15° posto. La Libia dal 26° sale al 17° e  la Tanzania, che non era fra i primi 50 sale al 24° posto. La Nigeria rimane al 13° posto con molti cristiani e chiese prese di mira dal gruppo estremista islamico Boko Haram.
• Oltre al Mali e alla Tanzania, altri paesi ad affacciarsi nella WWList sono il Kenia (40°), l’Uganda (47°) e il Niger (50°). Le nuove entrate e il livello maggiore raggiunto da molti paesi africani riflette un trend crescente di “Risveglio islamico” nel continente. La Somalia, il Mali e l’Eritrea sono tutti fra i primi 10 nella lista.
• La maggiore fonte di persecuzione in Mali è l’estremismo islamico. In precedenza il Mali era un tipico stato africano occidentale, con una forma in gran parte moderata di islam. Generalmente vi era un certo grado di libertà di vivere la propria fede. Tuttavia la situazione è cambiata con la conquista della parte nord occidentale del paese da parte dei separatisti tuareg e dei combattenti islamisti e la creazione dello stato indipendente di Azawad ad aprile del 2012. Gli islamisti hanno stabilito subito uno stato islamico adottando la sharia nel nord. Molti cristiani sono stati obbligati a fuggire e le chiese sono state bruciate.
• La Primavera Araba si è definitivamente tramutata in un inverno arabo per i cristiani. La guerra civile in Siria, che ha causato ad oggi si stima oltre 40.000 morti, ha fatto salire la Siria dal 36° all’11° posto. Molti cristiani sono stati presi di mira e costretti a fuggire.
• Anche la Libia ha fatto un grosso salto dal 26° al 17° posto. La Chiesa è diminuita drammaticamente di numero, in parte per i cristiani che stanno lasciando il paese. I salafiti stanno guadagnando influenza, cosa che sta avvenendo anche in Tunisia che è salita dal 35° al 30° posto. La Tunisia era conosciuta per esser un paese secolare. Oggi i salafiti stanno diventando molto visibili e influenti nella società.
• Lasciano la top ten l’Uzbekistan che dal 7° posto scende al 16° e il Pakistan che scende dal 10° posto al 14°. Fuori dai 50 paesi nella lista si trovano Cecenia, Turchia, Cuba, Bielorussia e Bangladesh.
• Fra i paesi che hanno fatto grossi balzi nella WWList c’è la Cina, che scende dal 21° al 37° posto. Continua il trend che la vedeva al 13° posto nel 2010 (era persino nelle prime 10 cinque anni fa). Hanno fatto un grosso balzo anche le Comore, scendendo dal 24° al 41° posto. Il Bhutan dal 17° al 28° posto. I ricercatori di Porte Aperte vedono in Bhutan un miglioramento perché le chiese riescono a tenere culti senza essere molestate. Ogni tanto ci sono ancora problemi e le comunità nelle aree rurali mettono sotto pressione le chiese. Una legge anticonversione è in divenire e pende sulla testa dei cristiani come una spada di Damocle. Questa legge può avere un impatto negativo sui cristiani in Bhutan.
• La persecuzione dei cristiani nel mondo è in crescita. La Cina è l’unico paese dove i ricercatori di Porte Aperte vedono un significativo miglioramento. Altri paesi sono scesi nella lista come Iran e Uzbekistan che sono molto ostili verso i cristiani. Sono scesi solo perché le situazioni in altri paesi sono peggiorate facendoli risalire nella WWList.


[ 27] google+ satana+ --- perché, io non riesco a scaricare la World Watch List 2013
Analisi della persecuzione nel mondo?[
http://www.porteaperteitalia.org/PdfHandler.ashx?url=http%3a%2f%2fwww.porteaperteitalia.org%2fpersecuzione%2fwwlist_2013%2f%3fpdf%3d1&title=World%20Watch%20List%202013&format=A4


[20]  #Bashar #Hafiz #al-Asad, بشار حافظ الأسد#, #Baššār Ḥāfiẓ #al-Asad  --- lo giuro, se tu non avessi protetto i cristiani? oggi, tu saresti già morto!