morti viventi, Venezia, Zombie Walk

Benjamin Netanyahu. e perché, questi due: preservativi andati a male, di: Herman Van Rompuy, e, Martin Schulz, non hanno rimproverato, a Israele, anche, la privazione di acqua, che, manca, ai dalit dhimmi, che, muoiono, sotto la egida dello ONU, in Corea del Nord, o altrove?! Il livello culturale, in genere, e giuridico, in particolare, nel sistema massonico?, è precipitato a picco nella merda! Certo, la Giordania, puo vedere acqua ai Palestinesi (che, comunque, possono essere idricamente autonomi, con dei pozzi artesiani) perché, la Giordania, è riconosciuta giuridicamente. ma, Israele, non potrebbe vendere acqua, ai palestinesi, neanche se volesse, proprio perché, per i Palestinesi, Israele, non esiste giuridicamente!

Carnevale, "morti viventi" invadono Venezia. "Zombie Walk" ospitato per la prima volta nella Serenissima. 16 febbraio 2014, [] Herman Van Rompuy, Martin Schulz,  Hillary Diane Rodham Clinton, anticristo, Emma Bonino Bildenberg, 322, Kerry, Bush, Rothschild, 666, FMI, NWO... voi avete portato nella merda la civiltà ebraico-cristiana, voi ora ne dovete subire le conseguenze!

[lettera aperta al satanista Kerry 322] [ dove, nella tua lega araba, degli anticristo assassini, di dhimmi, martiri, inncenti, uccisi, sotto la egida dell'ONU, tu hai visto, quella democrazia, che, vuoi imporre nella Siria? ] o mi date una Europa Cristiana, o ve la demolisco! [L’Europa è cristiana, l’identità non si cancella, di, MAuRIzIo MIRANDoLA] [ Un momento veramente importante del Congresso Cristiano Uomini Nuovi ha visto protagonista Magdi Cristiano Allam, l’eurodeputato che si sta battendo per il riconoscimento delle radici cristiane dell’Europa. Un intervento che ha suscitato la piena approvazione di tutti i presenti su temi delicati come Israele, il nostro rapporto con l’Islam e la difesa dei valori fondamentali della nostra cultura ]  Un lungo, ininterrotto applauso da parte di tutti i congressisti, alzatisi in piedi, ha salutato la conclusione dell’intervento di un ospite, speciale del Congresso Cristiano di Uomini Nuovi: Magdi Cristiano Allam, deputato al Parlamento Europeo e fervente sostenitore delle radici cristiane dell’Europa. Il noto giornalista (è stato per anni Vicedirettore del Corriere della Sera) è un grande esperto di Medio Oriente, nonché dei rapporti tra Islam e Cristianesimo. La sua conversione dall’Islam gli ha purtroppo attirato le ire dei musulmani radicali, ed oggi Magdi è costretto a vivere permanentemente sotto scorta a causa di timori di attentati contro la sua persona: nell’Islam infatti chi è accusato di apostasia, ovvero di abbandono della fede, è quasi sempre condannato a morte, specialmente se è un personaggio molto in vista. Per questo motivo le parole di Magdi Cristiano Allam sul rapporto tra Occidente e Islam e sulle radici cristiane dell’Europa hanno trovato un uditorio attento e partecipativo, e hanno suscitato una forte empatia con tutto il pubblico. L’Europa rifiuta la propria identità cristiana Nel suo intervento Magdi ha toccato diversi temi fondamentali per capire il mondo di oggi: dalle false “primavere” arabe che, hanno portato in quasi tutti i casi a governi controllati dai fondamentalisti islamici; alle conseguenze molto gravi che questi nuovi equilibri possono avere nei rapporti con Israele e quindi con l’aumentata instabilità dell’area mediorientale, dalla quale può scaturire una guerra devastante da un momento all’altro. E ancora: la cecità (molte volte volontaria) dell’America e dell’Europa rispetto a questi nuovi scenari internazionali; cecità che fa il paio con quella dell’Europa di riconoscere il principio delle proprie radici cristiane, quasi il nostro continente si vergognasse di essere diventato tale soprattutto grazie, alla cultura giudaico-cristiana. Su questo aspetto Magdi Cristiano Allam è stato molto chiaro: si comincia a parlare di “Europa” proprio verso il VII secolo dopo Cristo, tra i popoli che avevano fermato l’avanzata dell’Islam nel nostro continente. Da qui la nascita delle coscienze nazionali, ma anche di una coscienza e cultura europea che è sfociata nel concetto di Sacro Romano Impero. Il primo termine, “Sacro”, si riferisce proprio all’aspetto principale che teneva unito l’Impero: la fede cristiana che, seppur tra le differenze, garantiva una solida, base culturale, ma anche legale, filosofica, sociale, alla nuova entità sovranazionale: l’Europa, appunto. Nel corso dei secoli, e pur tra sconvolgimenti, lotte e tragedie immani come la Prima e la Seconda Guerra Mondiale, questa idea si è consolidata fino alla creazione della Comunità Europea e poi dell’unione Europea. Ma, per assurdo, quando, è arrivato il momento del trionfo dell’idea europea è stata messa alla porta proprio una delle caratteristiche fondanti della cultura e della storia del continente: la fede cristiana. Israele pietra d’inciampo per l’Europa ora i nuovi “padroni” dell’Europa stanno facendo di tutto per cancellare questo valore comune e fondamentale, ma Magdi Cristiano Allam ha lanciato un allarme, circa questa manovra, un allarme Magdi Allam, 60 anni, è di origine egiziana; all’età di 20 anni giunge in Italia dove, si laurea in Sociologia e nel 1977 inizia la sua carriera giornalistica, fino ad arrivare, ai più prestigiosi quotidiani nazionali. Lavora infatti per 10 anni a Repubblica, per poi passare al Corriere della Sera dove nel 2003 diventa Vicedirettore. Dopo un lungo percorso spirituale si avvicina al cristianesimo, a cui si converte dall’Islam nel 2008. Il suo battesimo viene direttamente officiato da Papa, benedetto XVI e contestualmente Magdi aggiunge al suo nome anche quello di Cristiano. Dopo questo passo fondamentale, sempre nel 2008 Magdi Cristiano Allam ha fondato un movimento politico chiamato “Protagonisti per l’Europa Cristiana” e nel 2009 è stato eletto al Parlamento Europeo. Nello stesso anno ha proseguito il suo percorso politico fondando il partito: “Io Amo l’Italia”, che si propone di attuare un cambiamento radicale nella politica e nella società italiana, come lui stesso afferma: “Ritengo che questo degrado morale e materiale in cui siamo sprofondati, dove viene meno qualsiasi certezza, sia causato dal relativismo culturale e morale che impera nella nostra società. Non solo vengono messi in discussione valori fondamentali come, la famiglia, la vita, la giustizia, ma è il concetto stesso di verità ad essere messo in dubbio. Per chi crede come noi che Cristo sia la Verità questo è inaccettabile: riscattare la verità in Cristo significa perciò riscattare la verità in assoluto. Per me fare politica significa testimoniare questa verità attraverso le opere, cioè tradurre in buone opere ciò che affermo e ciò che credo” . Per questo motivo è nato “Io Amo l’Italia”, che parteciperà alle elezioni politiche del 2013 come soggetto politico indipendente. Magdi Cristiano sintetizza così alcune, tra le più importanti proposte politiche del partito: “Io amo l’Italia promuove un autentico cambiamento dell’Italia fondato sul riscatto della sovranità monetaria, che si traduce nell’uscita dall’euro, e sul riscatto della sovranità legislativa e nazionale che corrisponde all’uscita da questa Unione Europea; sulla riforma dello Stato incentrata sul Federalismo dei Comuni, la Repubblica Presidenziale e il drastico abbattimento dei costi della Pubblica Amministrazione; su un nuovo modello di Sviluppo affidato all’imprenditoria privata con un’unica tassa alla fonte del 20%, una nuova direttrice che investe nella risorsa ambientale, culturale e umana di cui dispone l’Italia e che non è clonabile e non delocalizzabile ovvero Turismo, Terra e Tecnologia, con la finalità della piena occupazione; sulla promozione della natalità degli italiani con un adeguato sussidio
di maternità alle madri casalinghe, salvaguardando la nostra civiltà laica e liberale con le sue radici giudaico-cristiane dalla crescente minaccia islamica”. basato su una semplice osservazione: chiunque rinneghi la propria identità non ha futuro. Così, come non l’avrà l’Europa basata unicamente su vincoli economici e finanziari, o sul concetto
generico di “multiculturalismo”, o peggio ancora sul relativismo culturale o religioso. Un relativismo che mette sullo stesso piano la fede fondante dell’Europa, il Cristianesimo, con altre fedi ma soprattutto con l’Islam, una religione in forte crescita nel nostro
continente grazie all’immigrazione dall’Africa Settentrionale e dal Medio Oriente. Da esperto, proveniente dal mondo musulmano, Magdi Cristiano Allam ha spiegato con chiarezza il rapporto tra Islam e Occidente, mettendo in chiaro la volontà di potere e i piani di espansione degli islamisti in Europa, sempre ammantati da “buona volontà” e dalla presentazione dell’Islam come “religione di pace” per ingannare l’opinione
pubblica europea, che in questo si fa, a dire il vero, ingannare piuttosto facilmente. La realtà dell’Islam però è un’altra, come ha spiegato Magdi illustrando il vero volto della religione musulmana in Medio Oriente e nei Paesi dove è maggioranza: negazione dei diritti civili, persecuzione degli altri gruppi religiosi e specialmente dei cristiani, che trovano molto spesso la morte da autentici martiri della fede. Un altro aspetto della pericolosità dell’Islam è evidente dal suo atteggiamento verso Israele, che molti cristiani hanno a cuore quale “Popolo di Dio” come lo definisce la bibbia. Non è un mistero che i musulmani considerino lo Stato di Israele come nemico, un usurpatore del suolo
islamico, e che molti musulmani radicali la pensino esattamente come Adolf Hitler, cioè che tutti gli ebrei debbano essere sterminati, cancellati dalla faccia della terra. Queste non sono supposizioni, ma dichiarazioni ufficiali come quelle che ha rilasciato più volte il Presidente dell’Iran, Mahmud Ahmadinejad, di fronte a giornali e televisioni di tutto il mondo. Magdi Cristiano Allam ha affrontato questi temi estremamente importanti nel suo libro “Viva Israele!” che, spiega chiaramente perché lo stato di Israele debba esistere esattamente dove è adesso, e perché è importante che l’occidente e il mondo intero lo proteggano. Le parole di Magdi Cristiano Allam, hanno toccato profondamente tutti coloro che erano presenti al Congresso ad ascoltarlo, e il pubblico non ha mancato di dimostrarlo sottolineando più volte con scroscianti applausi diversi passaggi del suo discorso, nonché con, un’autentica “standing ovation” la fine dell’intervento. Al termine della sessione del Congresso, sebbene atteso a Linate da un volo aereo che doveva portarlo fino a Napoli, Magdi si è intrattenuto fino all’ultimo con alcuni congressisti che hanno chiesto di farsi autografare il suo ultimo libro: “Europa Cristiana Libera”. Le copie del libro a disposizione si sono volatilizzate in pochi istanti, lasciando: “orfani” diversi partecipanti, che, hanno comunque tenuto a ringraziare Magdi Cristiano Allam per le sue parole e per aver illuminato, con chiarezza molti temi fondamentali.